Top

Viaggi fotografici: i fari della Bretagna

Le Coste della Bretagna presentano la più alta concentrazione di fari al mondo.

Albe, tramonti, schizzi di onde che s’infrangono sulla scogliera alla ricerca dello scatto perfetto: un nuovo emozionante tour tra i fari della Bretagna.

Un itinerario accattivante alla coperta di una terra che snocciola innumerevoli fari, testimoni irremovibili delle maree che scolpiscono i paesaggi del Mare d’Iroise. Seguiteci alla scoperta della Via dei Fari dove sarà possibile incontrare alcune di queste splendide sentinelle di pietra.

Il nostro viaggio fotografico attraverserà la Bretagna per poter ammirare ogni sua sfumatura che va dalle imponenti e severe scogliere del sud fino alle più dolci spiagge del nord in un periodo di luce e clima ideale.

Il programma sarà regolato prevalentemente dal meteo, in modo da vederci protagonisti sia all’alba che al tramonto di esperienze ricche di fascino.

ITINERARIO DI VIAGGIO

01° GIORNO ITALIA-BREST-POINTE DU RAZ

Arrivo con volo dall’ Italia a Brest nel pomeriggio e partenza per Pointe du Raz. Sistemazione in hotel.

02° GIORNO POINTE DU RAZ -BAIA DEI TRAPASSATI-POINTE DU RAZ

Partenza all’alba verso la punta estrema di Pointe du Raz, sperando di trovare la famosa tempesta bretone che ci consentirebbe di fotografare il faro de La Vieille con le onde che lo circondano. Bella e selvaggia la Pointe du Raz si innalza a circa 70 metri di altezza. Scolpita dal mare, battuta dai venti, per la sua magnificenza la Pointe vale da sola una visita alla regione. Di fronte ad essa si staglia appunto il faro quadrato dell’Île de la Vieille. Acceso nel 1887, il faro fu automatizzato nel 1995; fino ad allora, intrepidi guardiani si succedevano in condizioni climatiche spesso difficili. Nelle giornate tempestose, con onde gigantesche che si infrangono contro le scogliere, avremo l’impressione di essere arrivati alla fine del mondo. Proseguimento verso la Baia dei Trapassati o Baia delle Anime; il nome di questa spiaggia deriva dalla deformazione di “boe an aon” (baia del ruscello) in “boe an anaon” (baia delle anime in pena) poiché un tempo la baia serviva da estuario al ruscello che sbocca oggi nella vicina palude. La sua apertura verso l’Atlantico e la presenza tutto l’anno di un forte vento fanno in modo che si creino delle grandi onde, che la rendono un punto molto famoso in tutta la Bretagna per il surf. Caratterizzata da una piccola spiaggia (a due passi dall’hotel), che in base alla marea si trasforma in un enorme distesa sabbiosa di oltre 200mt , rende accessibili svariate parti di scogliera solitamente solcate dalle potenti onde oceaniche. Primo pomeriggio al faro du Millier del 1881 rivestito di granito con tetto di ardesia e ritorno al tramonto a Pointe du Raz.

03° GIORNO POINTE DU RAZ-FARO DU MILLIER-FARO DI PETIT MINOU-FARO DI KERMORVAN-FARO DI SAINT MATHIEU

Anche questa giornata si apre con la visita all’alba del faro du Millier per poi proseguire verso il meraviglioso faro di Petit Minou. Nascosto da una scogliera imponente e sorvegliato da un vecchio forte della seconda guerra mondiale, una volta sorpassato il breve tunnel ed il piazzale antistante, la vista è incredibile. Proseguimento verso il faro di Kermorvan per poi finire al tramonto al faro di Saint Mathieu, che la sera dà il meglio di se, grazie all’antica chiesa senza tetto che sorge a pochi metri dalla struttura e che ricorda l’Abbazia di San Galgano in Toscana.

04° GIORNO FARO DI SAINT MATHIEU-FARO DU FOUR- FARO DE LA VIERGE

Dopo aver fotografato il faro di Saint Mathieu all’alba, risaliremo la parte settentrionale della Bretagna fermandosi al faro di Kermorvan se impossibilitati il giorno precedente. Arrivo al Faro du Four; costruito su una roccia di granito di 25 metri di diametro e un’altezza di 11,50 m, all’estremità meridionale delle rocce Argenton è uno dei più spettacolari perché si tratta di un faro in mare, con la sua posizione segna tradizionalmente il confine tra l’oceano Atlantico e la Manica. Qui se il tempo sarà clemente potremo fotografare il faro circondato dalle onde. Proseguimento per il faro de la Vierge; si  tratta di una torre quadrata di granito alta 32 metri, con una portata di 14 miglia, inaugurata nell’Agosto 1845, che però si rivelò fin da subito inadatta ad illuminare quel largo tratto di mare. Nel 1882 quindi le autorità decisero di costruire un nuovo faro, senza abbattere il vecchio. Il risultato ad oggi è una torre cilindrica in granito scuro di Kersanton, con una base di 13,20 metri e alta ben 82 metri che diventa il più alto faro d’Europa. Benché il faro dell’isola di Vierge si trovi su un’isolotto ad solo un chilometro e mezzo dalla terraferma, questo faro è considerato a tutti gli effetti “un faro d’alto mare”

05° GIORNO PLOUESCAT-FARO DI PLOUMENAC’H- MONT SAINT MICHEL

Partenza da Plouescat verso il faro di Ploumenac’h. Il faro è costruito in granito rosa e si presenta come una torre piramidale che raggiunge un’altezza di circa 15 metri.  Nel primo pomeriggio partenza verso Mont Saint Michel dove verrà effettuata una sessione fotografica al tramonto. Mont-Saint-Michel suscita incanto e ammirazione, con la sua abbazia arroccata sulla cima dell’isolotto roccioso e la cittadella medievale circondata da bastioni.

06° GIORNO MONT SAINT MICHEL-RENNES-ITALIA

Dopo aver fotografato Mont Saint Michel all’alba, partenza per Rennes dove riprenderemo il volo per l’Italia

LE STRUTTURE CHE CONSIGLIAMO

(La selezione delle strutture viene fatta al momento dell’effettuazione del viaggio: ci scusiamo per eventuali variazioni nel corso del tempo)

PLOGOFF

B&B Bethany – piccolo grazioso b&b

PLOUGONVELIN

Logis Hotel Vent d’Iroise – nuovo hotel situato tra terra e mare, in una delle zone più belle della Bretagna. Idealmente collocato nel cuore della Riserva Marina Iroise, l’hotel permette un facile accesso alle principali attrazioni turistiche come la Pointe Saint-Mathieu con la sua abbazia, il faro, Le Conquet, Fort Bertheaume, Océanopolis, le isole di Ouessant e Molène, la penisola di Crozon, la Pointe du Raz

ARDEVON

Auberge de la Baie– hotel tranquillo e accogliente di fronte a Mont Saint-Michel. Offre 33 camere con tutti i comfort. Molto bella la terrazza, che offre una vista sulla baia di Mont Saint-Michel.

INFORMAZIONI UTILI

DOCUMENTI

Per i cittadini Italiani occorre  la carta d’identità valida per l’espatrio

PRECAUZIONI SANITARIE

Non occorrono vaccinazioni obbligatorie.

FUSO ORARIO

Nessuna differenza rispetto all’Italia.

ELETTRICITA’

La corrente è utilizzata a 220v, AC a 50 Hertz. Le spine sono a due contatti rotondi. E’ necessario adattatore.

VALUTA

La valuta corrente è l’euro.

CLIMA

Dal punto di vista climatico, la Francia offre il meglio di sé in primavera, mentre le località marittime cominciano ad affollarsi a maggio. L’autunno è altrettanto piacevole, ma le giornate sono più corte e le temperature si abbassano anche in Costa Azzurra. L’inverno è ideale per praticare gli sport sulla neve nelle Alpi, nei Pirenei e nelle altre zone montane, anche se nelle vacanze di Natale le piste vengono invase da una marea di ragazzini. Da metà luglio alla fine di agosto la maggior parte delle persone va in ferie al mare o in montagna e le città restano semideserte e con molti negozi chiusi.

RICHIEDI INFORMAZIONI

    *campi obbligatori





    0