Top

Singapore e Bintan Island

ITINERARIO DI VIAGGIO

1°GIORNO:     ITALIA-SINGAPORE

Partenza dall’aeroporto prescelto. Pernottamento a bordo.

2°GIORNO:     SINGAPORE

Arrivo a Singapore e trasferimento in hotel. Visita a piedi del Colonial district e Marina Bay: lo storico Raffle hotel, uno dei siti storici più belli e lussuosi di Singapore; la St.Andrew’s Cathedral, uno dei migliori esempi di neogotico inglese; la National Gallery che ospita una delle più importanti esposizioni di arte coloniale del Sud-est asiatico, allestita negli storici edifici della City Hall e dell’Old Supreme Court; il Victoria Theatre, uno dei primi edifici neovittoriani della città; il complesso Marina Bay Sands il cui hotel ha tre torri di 55 piani collegate da una piattaforma sospesa che ospita una infinity pool sospesa sulla città; per terminare ai Gardens by the Bay, i giardini botanici del futuro, fatti di modernissime serre, fantascientifici superalberi e stravaganti sculture. Con un costo di un miliardo di dollari e una superficie di 101 ettari, i Gardens sono un capolavoro di urbanistica che affascina appassionati di architettura e amanti della natura. Sosta alla fontana del leone, oggi simbolo della città, che alla sera viene illuminata da proiezioni e colori. Rientro in hotel, cena libera, pernottamento.

3°GIORNO:     SINGAPORE

Prima colazione in hotel. Partenza a piedi per la visita del quartiere di Little India, con i suoi vicoli colorati pervasi dal profumo di incenso. Passeremo la Moschea Abdul Gafoor, favoloso connubio di architettura araba e vittoriana; Dunlop Street, con le variopinte shophouses; Buffalo Road, fiancheggiata da banchi di prodotti freschi, ghirlande colorate e manifesti delle dive di Bollywood; la caleidoscopica Tan House; la candida Kampon Kapor Methodist Church; lo Sri Veeramakaliamman Temple, il principale tempio hindu; il Mustafa Centre, centro commerciale di Little India aperto 24 ore; lo Sri Srinivasa Peruma Temple dedicato a Vishnu; la vivace Serangoon Road; il tempio taoista Leon San See ed infine il Sakya Muni Buddha Gaya Temple con il suo Buddha alto 15 metri. Da qui riscenderemo verso l’area di Kampong Glam, a volte anche chiamata Arab street, un’affascinante miscela di cultura islamica e nuove tendenze, dove fiabesche moschee, caffè moderni e boutique alla moda sorgono fianco a fianco nelle stradine variopinte. Attraverseremo Petain road, dove si trova una fila di case a schiera a due piani degli anni 20 nello stile tipico locale detto late shophouse: è un’esplosione di colori, dai muri rivestiti di piastrelle a motivi floreali, ai pilastri con bassorilievi adorni di fiori, uccelli e alberi. Attraverseremo il quartiere Jalan Besar, un tempo noto per gli incontri di pugilato, oggi perfetto mix fra architettura antica e nuove tendenze, costellato di caffè artigianali e negozi, fino alla Sultan Mosque, sormontata da una grande cupola dorata, la più grande moschea di Singapore che sembra uscita dalle pagine delle Mille e una notte. Se non ci sarà troppa coda, potremo pranzare alla Hill Street Tai Hwa Prk Noodle, bancarella gastronomica in attività dal 1932, oggi insignita di una stella Michelin. Nel pomeriggio ci sposteremo in taxi o con mezzi pubblici nel quartiere di Chinatown. Prima tappa la Baba House, una delle case storiche paranakan meglio conservate. I Paranakan, detti anche Baba, se uomini, oppure Nyonya, se donne, sono discendenti dei mercanti cinesi che, tra il 1500 e il 1600, si stabilirono nella penisola di Malacca, sposando donne malesi del luogo e continuando a vivere tradizioni proprie e a incrociarsi all’interno della stessa comunità fino ai giorni nostri. Dopo la visita saliremo al 50° piano del Pinnacle and Duxton, per una spettacolare vista a 360 gradi sulla città, sul porto e sul mare. Proseguiremo poi su Keong Saik Road, fiancheggiata da splendide case decorate; l’elegante Duxton Hill con le sue shophouse splendidamente rinnovate; il Buddha Tooth Relic Temple, monumentale tempio buddista di cinque piani che custodisce il dente canino sinistro di Buddha; Ann Siang Road, al culmine di Chinatown con altre belle case a schiera e splendidi edifici art decò; il Thian Hock Keng Temple, il tempio hokkien (è un gruppo di dialetti cinesi d’oltremare, usato per definire anche i cinesi emigrati) più antico di Chinatown (1839), magnificamente restaurato, con architettura in legno assemblato senza chiodi. Sul muro posteriore sfoggia un famoso murales di 44 mt dell’artista singaporeano Yip Yew Chong, che racconta la storia dei primi immigrati hokkien a Singapore. Termineremo la visita al Boat Quay, un tempo centro del commercio, oggi trasformato in uno dei principali quartieri del divertimento, un concentrato di bar, ristoranti e negozi per turisti. Rientro in hotel, cena libera, pernottamento.

4°GIORNO:     SINGAPORE

Prima colazione in hotel. Partenza a piedi verso Orchard Road, la strada dello shopping dove si trovano tutti i maggiori centri commerciali. Prima sosta all’Istana, la grandiosa residenza neoclassica del presidente di Singapore, immersa in 16 ettari di giardini (aperta alle visite solo pochi giorni all’anno, quindi la vedremo dal cancello), proseguiremo poi su Orchard Road fra negozi e centri commerciali, fino a Emerald Hill Road, per spezzare il ritmo dello shopping, una via fiancheggiata da alberi frangipane e da alcune case storiche a schiera fra le più belle della città. Proseguimento sempre su Orchard Road fino all’Ion Orchard Mall, lo shopping center più elegante e innovativo fra i mega centri commerciali di Singapore, dotato anche di una panoramica piattaforma di osservazione al 56° piano. Se riusciamo ad arrivare per l’ora di pranzo, potremmo pranzare al Paradise Dynasty, all’interno dell’Ion Mall, famoso per i ravioli cinesi e i noodles tirati a mano. Nel pomeriggio visita del Singapore Botanic Gardens, alla fine di Orchar Road, la più grande area verde della città, con prati, laghi, un’antica foresta pluviale, giardini a tema, orchidee rare, concerti e incantevoli ristoranti. Il National Orchid Garden è l’esposizione di orchidee tropicali più grande al mondo. Rientro in hotel, cena libera, pernottamento.

5°GIORNO:     SINGAPORE-BINTAN ISLAND

Prima colazione in hotel e trasferimento al porto Tanah Merah, circa 30 minuti. Partenza per Bintan Island con traghetto diretto (impiega 1 ora ma Bintan è 1 ora indietro rispetto a Singapore). Arrivo e trasferimento privato al resort. Pulau Bintan si trova nell’arcipelago delle isole Riau che fanno parte dell’Indonesia.

6°-9°GIORNO: PULAU BINTAN

Soggiorno balneare. Pulao Bintan è diventata la destinazione di mare prediletta dagli abitanti facoltosi di Singapore che vi si recano prevalentemente nei fine settimana e si concentrano soprattutto sulla costa settentrionale, la zona di Lagoi, con resorts esclusivi su belle spiagge sabbiose protette da ettari di natura selvaggia. Pochi si avventurano nell’aspro sud dove si trova la capitale, Tanjung Pinang, cuore culturale dell’isola, una vivacissima cittadina portuale con un grande mercato in perenne fermento e con un paio di templi buddhisti che potrebbero meritare una visita. Di fronte al porto di Tanjun Pinang sorge la minuscola Pulau Penyengat, un tempo capitale dei rajah di Riau dei quali mantiene ancora le tracce. L’isola si può girare a piedi in un paio di ore, oppure con una sorta di motorino a 3 ruote: lungo la costa si possono ancora vedere le tradizionali abitazioni malesi costruite su palafitte, mentre nell’entroterra si possono visitare le rovine dell’antico palazzo dei rajah, le tombe e i cimiteri. Ma il sito più imponente è la moschea, costruita nel 1832, che con i suoi colori giallo e verde, le numerose cupole e minareti, simile ad un castello, sembra uscita da una fiaba. Sull’estremo margine occidentale sorgono le imponenti rovine di un forte in pietra che servì per contrastare gli attacchi olandesi. Sul lato opposto della baia di Tanjung Pinang, sorge Senggarang, un curioso villaggio abitato in prevalenza da cinesi, costruito in parte su palafitte, la cui attrazione principale è il Banyan Tree Temple, un tempio cinese sospeso tra le radici di un enorme albero di baniano. Lì vicino il complesso di templi Vihara Dharma Sasana, affacciato sul mare, merita una visita.

9°GIORNO:     PULAU BINTAN-SINGAPORE

Prima colazione in hotel e intera giornata a disposizione. Nel tardo pomeriggio trasferimento per il porto e imbarco sul traghetto per Singapore. Trasferimento all’aeroporto (circa 10 minuti).

10°GIORNO:   SINGAPORE-ITALIA

Imbarco sul volo notturno per l’Italia.

LE ESPERIENZE CHE RACCOMANDIAMO

-Fermarsi al Raffles hotel per gustare il miglior Singapore Sling della città

-Passare una serata fra la movida di Clarke Quay

-Visitare la fontana del Leone dopo il tramonto quando le proiezioni la trasformano con mille disegni e colori

-Cenare al ristorante panoramico del Marina Bay Sands o prendere un aperitivo al suo bar, che “volano sulla città”

-Fare un bagno nell’ infinity pool panoramica del Marina Bay Sands

-Pranzare in una bancarella di street food stellata

-Terminare la visita dei Gardens by the Bay al tramonto per assistere ai giochi di luci

-Godersi la vista notturna del Marina Bay Sands illuminato, con lo spettacolo delle luci luce e delle fontane danzanti

LE STRUTTURE CHE CONSIGLIAMO

(La selezione delle strutture viene fatta al momento dell’effettuazione del viaggio: ci scusiamo per eventuali variazioni nel corso del tempo)

SINGAPORE

The Raffles Singapore – Inaugurato nel 1887, il Raffles Singapore è uno dei pochi grandi hotel del XIX secolo rimasti nel mondo. Lussuoso e leggendario hotel protagonista della storia coloniale dell’Oriente, fu un faro e un rifugio per i viaggiatori del mondo che arrivavano da tutte le coste per sperimentare la sua squisita combinazione di grandezza e fascino. Stare qui è diventato un rito di passaggio tra gli avventurieri, con “Ci vediamo al Raffles” il loro colpo d’addio. Nel corso della sua storia ha accolto innumerevoli nomi leggendari, scrittori, star del cinema, dignitari, giornalisti … tutti hanno trovato qui ispirazione e convivialità. In un’epoca in cui il viaggio globale era un lusso disponibile solo per pochi eletti, le storie condivise da queste personalità, sia fatti che favole, hanno contribuito alla fama di Raffles. Grazie a loro e alla miriade di altri ospiti nel corso dei decenni, il Singapore Sling del Long Bar, creato nel 1915 dal barman Ngiam Tong Boon, ha guadagnato fama internazionale, insieme a storie emozionanti, come quella che coinvolge una tigre nella sala bar e biliardo.

Oggi l’hotel continua a incarnare l’eleganza regale e il fascino del Vecchio Mondo. In una città in cui edifici moderni competono per toccare il cielo, questo tesoro in stile coloniale splendidamente conservato, dichiarato Monumento Nazionale nel 1987, occupa un posto d’onore nel vivace quartiere civico e degli affari. Lussureggianti giardini tropicali circondano l’hotel e offrono un contrasto rilassante al trambusto urbano. Non è raro sentire le deliziose melodie degli uccelli che cantano al di là delle verande e il fruscio delle foglie di palma nella brezza: un’oasi di squisita tranquillità.

Nessuna visita a Singapore è completa senza una sosta al Raffles anche solo per godersi il miglior Singapore Sling della città.

Capitol Kempinski- Situato in zona centralissima nel quartiere civico e culturale, il lussuoso Capitol Kempinski esce da anni di restauri che hanno tirato fuori il meglio dello stile neoclassico dell’edificio del 1930 e della Stamford House in stile rinascimentale veneziano del 1904. Oggi, il Capitol Kempinski Hotel occupa un posto d’onore nel complesso lifestyle integrato, che vanta Arcade @ The Capitol Kempinski, Eden Residences Capitol, il leggendario Capitol Theatre e il centro commerciale Capitol Singapore. L’hotel promette avventure gastronomiche con il 15 Stamford di Alvin Leung, The Bar at 15 Stamford, Lobby Lounge, Frieda German Restaurant, Berthold Delikatessen, Broadway American Diner e La Scala restaurant.

BINTAN ISLAND

The Sanchaya – Splendida villa in stile coloniale situata a Lagoi, direttamente su una delle più belle spiagge dell’isola, il lussuoso The Sanchaya è il gioiello di Bintan. Questa lussuosa proprietà è composta da 21 ville e 9 suite arredate con un’attenta combinazione di eleganza coloniale e di esotismo asiatico e dotate di comfort moderni quali iPad, televisori Bang & Olufsen, Apple TV e Wi-Fi. Biancheria da letto italiana e un ricco menù di cuscini. Il pezzo forte della struttura sono gli ambienti comuni, lo stile coloniale è onnipresente, la sala da pranzo, la libreria, la bella terrazza esterna, lo stile dei tempi passati e l’accoglienza di una casa famigliare.Lo chef italiano e la sua ottima cucina danno il tocco finale a qualcosa di impareggiabile. A completare i servizi la bella Spa propone una vastissima gamma di trattamenti usando prodotti d’eccellenza.

Banyan Tree – Lussuoso hotel situato a Lagoi, che si sviluppa su una collina dalla vegetazione esuberante e offre magnifiche vedute sul Mar Cinese Meridionale. Magnifiche le camere con terrazzi sul mare e docce che si affacciano sulla vegetazione. Svariati ristoranti che offrono ottima cucina e splendide viste. Scenografica piscina a sfioro sul mare dalla quale si scende alla spiaggia condivisa con il vicino Angsana della stessa proprietà. Ottimo centro benessere.

Angsana – Situato di fianco al Banyan Tree che fa parte della stessa proprietà, l’Angsana è di categoria leggermente inferiore del suo vicino, ma è un’ottima struttura direttamente sulla spiaggia, con belle camere, ottimi ristoranti e una grande piscina che confina con la spiaggia.

 

 

INFORMAZIONI UTILI

DOCUMENTI DI VIAGGIO

È necessario essere in possesso di passaporto individuale con validità minima di 6 mesi.

LINGUA

Le lingue ufficiali di Singapore sono 4: inglese, tamil, malay, cinese (mandarino); a Bintan il bahasa, ma ovunque parlano inglese.

FUSO ORARIO

Durante l’ora solare, 7 ore avanti a Singapore, 6 ore a Bintan, durante l’ora leale +6 e +5.

CLIMA

Il clima è tropicale ed umido nel corso di tutto l’anno. I mesi migliori per visitare Singapore sono quelli invernali poiché quelli estivi possono essere molto caldi e umidi. Bintan ha una temperatura media di 30 gradi durante tutto l’anno con poca differenza fra Gennaio che è il mese più freddo e Giugno il più caldo. I mesi invernali da Dicembre a Febbraio potrebbero essere molto ventosi e le correnti del mare più forti.

VALUTA

La moneta di Singapore è il Dollaro di Singapore: 1 EUR = 1,51 SGD,

La moneta di Bintan è la Rupia Indonesiana: 1 EUR = 15390 IDR

ELETTRICITA’

La corrente elettrica è a 220-240V, spine inglesi a 3 lamelle.

SHOPPING

Singapore viene considerata la capitale dello shopping tecnologico. Qui si trovano tutte le novità del mondo dell’elettronica, dei computer e della fotografia a prezzi decisamente interessanti. A tutto questo si unisce una serie infinita di negozi di moda e di artigianato che da soli giustificano una sosta in questa piccola ma ben organizzata città.

 

RICHIEDI INFORMAZIONI

    *campi obbligatori





    0