Top

Laos, Cambogia e Vietnam, le perle dell’Indocina

ITINERARIO DI VIAGGIO

1°GIORNO:          ITALIA-BANGKOK

Partenza dall’aeroporto prescelto. Pasti e pernottamento a bordo.

2°GIORNO:          BANGKOK-CHIANG RAI-CHIANG KHONG

Arrivo a Bangkok e proseguimento con volo per Chiang Rai. Incontro con la guida locale e trasferimento verso il confine Thailandia-Laos. Visita del famosissimo triangolo d’oro, dove si incontrano Thailandia-Laos e Myanmar. Arrivo a Chiang Khong in serata.  Cena libera e pernottamento.

3°GIORNO:          CHIANG KHONG-HOUAY XAI-PAKBENG

Prima colazione in hotel e trasferimento a Houay Xai, sull’altra sponda del fiume Mekong. Stiamo entrando nel Laos. Imbarco su una imbarcazione tradizionale a motore e partenza alle ore 09.00 per la nostra discesa del Mekong. Il tragitto dura circa 8 ore, durante il quale osserveremo lo scorrere lento della vita rurale dei villaggi, visiteremo alcuni villaggi di minoranze etniche Yao, Hmong e Lu godremo dei bellissimi e selvaggi paesaggi della campagna laotiana. Pranzo a bordo. In serata arrivo a Pakbeng e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

4°GIORNO:          PAKBENG-LUANG PRABANG

Prima colazione in hotel. Proseguimento della crociera lungo il fiume (circa 7 ore), attraversando paesaggi immersi in una lussureggiante vegetazione tropicale. Faremo la prima visita a Ban Baw Village, dove osserveremo il processo di lavorazione della tradizionale bevanda alcolica di riso. Pranzo a bordo. Nel pomeriggio sosta alle bellissime Pak Ou Caves, delle grotte sacre dove nei secoli sono state collocate migliaia di statue di Buddha. Arrivo a Luang Prabang nel pomeriggio in tempo per godersi il bellissimo tramonto dal Monte Phousy, con fantastica vista sulla città. Sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento.

5°GIORNO:          LUANG PRABANG

Stamani, per chi ne ha voglia, sveglia all’alba per assistere al Tak Bat, la processione dei monaci sulle strade del centro, per raccogliere le offerte dei fedeli, secondo l’ antico rituale buddista. Visita del mercato locale, colorato e colmo di prodotti tipici del Paese. Proseguimento per la visita città dell’intera giornata. Luang Prabang, ex capitale reale del Laos, dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco, è una delle destinazioni più suggestive e affascinanti del Sud-est asiatico. Racchiusa da verdi montagne avvolte nella foschia, e adagiata ai bordi del Mekong, ha un’atmosfera davvero unica, dove il tempo scorre lentamente fra le palme che circondano templi color oro e rosso violaceo, mentre monaci dalle tuniche arancioni sembrano fluttuare sulle vie alberate. Visiteremo il Museo Nazionale, ex Palazzo Reale in stile laotiano e Beaux-arts francese, con la sala del Trono, la sala delle udienze del Re, gli appartamenti reali e la stanza dei bambini. Visita dei monasteri Wat Mai, uno dei più sontuosi della città,  e  Wat Xieng Thong, uno dei più famosi e visitati. Passeggeremo per la città fino ai giardini del Wat Visoun e Wat Aham. Pranzo e cena liberi. Dopo cena assisteremo al Lao Ethnic Fashion show, al Hive Bar, dove potrEmo osservare la più grande collezione privata di abiti tradizionali. Pernottamento in hotel. 

6°GIORNO:          LUANG PARBANG-KUANG SI WATERFALL-LUANG PRABANG

Prima colazione in hotel e partenza per la visita delle cascate Kuang Si, nella foresta a circa 30 km dalla città, considerate le cascate più spettacolari del Laos. Durante il percorso visita ad alcuni villaggi di minorità etniche Khmu e Hmong.  Possibilità di fare il bagno nelle acque turchesi. Il Parco ospita il “recinto degli orsi”, dove un’organizzazione si prende cura degli orsi sottratti ai bracconieri. Pranzo in corso di escursione. Rientro in hotel e pomeriggio libero. Cena libera, pernottamento in hotel.

7°GIORNO:          LUANG PRABANG-VANG VIENG

Prima colazione in hotel. Oggi percorreremo la Route 13, una delle strade più panoramiche del Laos. Montagne, bellissime vallate, foreste e piccoli villaggi rurali. Arrivo a Vang Vieng nel primo pomeriggio. Vang Vieng è una cittadina circondata da un paesaggio molto suggestivo, formato da montagne calcaree colme di bellissime grotte e conformazioni rocciose, paradiso degli speleologi. Pittoresco il suo fiume che scorre ai piedi e dentro le pareti di calcare. Negli ultimi anni, la città è divenuta paradiso degli sport estremi, in particolare il tubing (un rafting fatto su grandi camere d’aria), e questo ha richiamato molti giovani turisti che hanno molto agevolato lo sviluppo della vita notturna. Visita di alcune grotte e punti panoramici. Pasti liberi, pernotto in hotel.

8°GIORNO:          VANG VIENG-VIENTIANE

Prima colazione in hotel. Riprenderemo la Route 13 per Vientiane, attraverso altri bei paesaggi. Sosta a Vang Sang per visitare un gruppo di 10 Buddha scolpito in una parete rocciosa. Arrivo a Vientiane e visita della città, capitale del Laos, situata su un’ansa del Mekong.  Visita del Wat Si Saket, il tempio più antico, il Haw Pha Kaeo, museo nazionale di arte sacra, costruito per ospitare il celeberrimo Buddha di Smeraldo, il Patuxai, vagamente simile all’arco di Trionfo, e il That Luang, il più importante monumento nazionale del paese, e simbolo della religione Buddhista e della sovranità del Laos.  Pasti liberi, pernottamento in hotel.

9°GIORNO:          VIENTIANE-SIEM REAP- TEMPLI DI ANGKOR

Prima colazione in hotel e trasferimento in aeroporto. Volo per Siem Reap.  Siamo entrati in Cambogia, terra dei Khmer. Incontro con la guida e inizio delle visite dei famosi Templi di Angkor, uno dei più importanti fra i siti antichi del mondo, che unisce in sé le proporzioni colossali della Grande Muraglia Cinese, la raffinatezza e cura dei particolari del Taj Mahal Indiano, e il simbolismo e simmetria delle Piramidi Egiziane.  Considerato la rappresentazione terrena del Monte Meru, cioè l’Olimpo degli Hinduisti, e dimora di antichissime divinità, oggi è meta di pellegrinaggio per tutti i Cambogiani, e nessun viaggiatore vorrebbe mai perdersi la sua prodigiosa bellezza. Rimasto per secoli in balia della giungla, il sito è stato riscoperto nei primi del novecento, e i primi restauri sono iniziati intorno al 1.930. Visiteremo il Ta Prohm, il  tempio più suggestivo fra i monumenti in rovina. Avvolto nella fitta vegetazione che si è insinuata in tutti i suoi ambienti, ha un aspetto quasi sovrannaturale, e visitarlo è un’esperienza unica. Proseguiremo con il Preah Khan, uno dei più vasti, vero e proprio dedalo di corridoi a volta, raffinati bassorilievi e muri in pietra coperti di licheni, per finire con il Banteay Srei, una sorta di galleria d’arte, considerato da molti l’apice della maestria artigiana angkoriana. Sistemazione in hotel. Pasti liberi, pernottamento.

10°GIORNO:        SIEM REAP -TEMPLI DI ANGKOR- SIEM REAP

Partenza all’alba per la visita della madre di tutti i Templi: l’Angkor Wat, massima espressione del genio Khmer. Considerata la costruzione religiosa più grande del mondo, Angkor Wat è la fusione perfetta di simbolismo e simmetria, fonte di orgoglio e forza per tutti i Khmers.  Dopo la benedizione dei monaci che vivono nel tempio, faremo una colazione picnic nel sito. Possibilità di fare il sorvolo sulle mongolfiere. Nel pomeriggio visiteremo la città fortificata di Angkor Thom, ultima gloriosa capitale del regno Khmer, che occupa una superficie di 10 kmq, portando a livelli mai raggiunti prima, il concetto di “monumentale”. Proseguiremo con la terrazza degli elefanti, una gigantesca tribuna per cerimonie pubbliche, e il terrazzo del Re lebbroso, una piattaforma alta 7 metri, sulla cui cima si erge una statua nuda e asessuata: uno dei misteri di Angkor. Accanto giace il Baphoun, che sembra sia stato uno fra i più bei templi nel momento del suo massimo splendore. Chiuderemo la giornata con il tempio di Bayon, con le sue 54 guglie che ricordano lo stile gotico, ornate da 216 giganteschi volti dal gelido sorriso, somiglianti al sovrano che li fece costruire. Rientro in hotel. Pasti liberi, pernottamento.

11°GIORNO:        SIEM REAP- VILLAGGI GALLEGGIANTI-SIEM REAP

Prima colazione in hotel. Oggi prenderemo una pausa dai templi, visitando i tipici villaggi galleggianti del lago Tonlè Sap.  Kompong Pluk, costruito su palafitte alte fino a 7 metri, sembra appartenere ad un altro mondo. Ogni anno, durante la piena del Mekong, la foresta pluviale che lo circonda viene inondata dalle acque del lago, che, quando si ritirano, scoprono alla vista bellissimi alberi pietrificati. Ci imbarcheremo su una barca in legno per entrare in questo villaggio medievale dove tutto vive sull’acqua: persone, cani, maiali e coccodrilli! Proseguiremo attraverso la foresta galleggiante fino a Kompong Khleang, una delle comunità più grandi del Lago che si sostiene con l’industria della pesca. Rientro a Siem Reap nel primo pomeriggio. Tempo per relax o shopping. Pasti liberi, pernottamento.

12°GIORNO:        SIEM REAP – KOH KER- SIEM REAP

Prima colazione in hotel e partenza per la capitale più remota di Koh Ker. Durante il percorso, visita del tempio perduto di Beng Mealea, uno dei più misteriosi, dove la natura si è scatenata in tutta la sua devastante potenza. Questo spettacolare complesso di edifici di culto, offre una vera esperienza alla Indiana Jones. Koh Ker, abbandonata per secoli nelle foreste del nord, fu capitale dell’impero angkoriano dal 928 al 944 ed è stata per un lungo periodo uno dei complessi più remoti e inaccessibili della Cambogia. Molte delle sculture più pregiate esposte nel Museo Nazionale di Phnom Pen, provengono da Koh Ker. Il monumento più importante è il Prasat Thom, una piramide di 7 piani, alta 40 mt e larga 55 che sembra più appartenere ad un sito Maya della penisola dello Yucatan in Messico. Rientro in hotel. Pasti liberi, pernottamento.

13°GIORNO:        SIEM REAP-SAMBOR PREI KUK-PHNOM PENH

Prima colazione in hotel.  Viaggeremo sulla Strada Nazionale 6, un’antica strada di Angkor e sosteremo a Kompong Kdei per vedere uno dei ponti più antichi formato da 20 archi: un sito spettacolare. Visiteremo Sambor Prei Kuk, il gruppo di monumenti preangkoriani più imponente della Cambogia. Esso comprende più di cento antichissimi templi disseminati nella foresta. Sul percorso, possibilità di sosta a Skuon, soprannominata “spiderville”, con il suo mercato dove si può assaggiare la specialità locale: le tarantole fritte!  Arrivo nel tardo pomeriggio a Phnom Penh, capitale della Cambogia. Sistemazione in hotel. Pasti liberi, pernottamento.

14°GIORNO:        PHNOM PENH

Prima colazione in hotel. Intera giornata di visita città. Phnom Penh, posizionata sulle sponde del Mekong, è l’immagine dell’Asia che tutti si aspettano, un vero assalto ai sensi per il suo fascino, i suoi profumi, il suo caos, i suoi vivaci mercati, i suoi colori. Il Palazzo Reale domina il suo panorama: una struttura imponente caratterizzata dai classici tetti a guglie khmer, residenza ufficiale della famiglia Reale Cambogiana. Visiteremo la sua Pagoda D’Argento, con il famoso pavimento ricoperto di oltre 5.000 piastrelle d’argento del peso di 1 kg ciascuna; il museo Nazionale che ospita la più bella collezione di sculture khmer esistente al mondo; e il toccante museo Tuol Sleng, che commemora i crimini perpetrati dai Khmer rossi. Facoltativa la visita al campo di sterminio di Choeung Ek, dove, fra il 1975 e il 1978, 17.000 persone furono uccise a bastonate. Oggi è un posto molto bello e pieno di pace nel quale riflettere sulla triste tragedia di cui è stato testimone. Rientro in hotel. Pasti liberi, pernottamento.

15°GIORNO:        PHNOM PENH-HO CHI MINH

Prima colazione in hotel e trasferimento in aeroporto. Volo per Ho Chi Minh.  Siamo arrivati in Vietnam. Incontro con la guida locale e visita orientativa della città, centro del commercio e città più grande del Vietnam, conosciuta nel mondo con il vecchio nome di Saigon.  Passeremo per la Cattedrale di Notre Dame, l’Ufficio Postale, il Museo di Ho Chi Minh, il Palazzo della Riunificazione, il quartiere di Cho Lon con l’ incredibile mercato di Binh Tay. Sistemazione in hotel, pasti liberi, pernottamento.

16°GIORNO:        HO CHI MINH-CON SON (ARCIPELAGO DI CON DAO)

Nella primissima mattinata colazione in hotel e trasferimento in aeroporto. Arrivoo a Con Dao e trasferimento al resort. L’arcipelago di Con Dao è formato da 16 isole ricche di spiagge deserte e barriere coralline, la maggior parte delle quali dichiarate parco protetto. Con Son è l’isola più grande e l’unica ad avere strutture ricettive. Ex colonia penale soprannominata “isola del diavolo”, oggi è un tranquillo rifugio dalla bellezza sconvolgente,  con splendidi edifici coloniali, belle colline sulle quale fare trekking racchiuse in parco nazionale, e bellissime spiagge dove rilassarsi al sole. L’arcipelago offre bellissimi spot per le immersioni.   Giornata e pasti liberi, pernottamento.

17°-22°GIORNO:     CON SON

Soggiorno balneare con trattamento di prima colazione.

22°GIORNO:        CON SON-HO CHI MINH

Prima colazione e mattinata libera. In tarda mattinata trasferimento in aeroporto e volo di ritorno.

23°GIORNO:        ITALIA

Arrivo in Italia

LE ESPERIENZE CHE RACCOMANDIAMO

-Provare almeno due giorni di navigazione sul Mekong per assaporare la vita lenta dei villaggi rurali

-A Luang assistere all’alba alla sfilata dei monaci che raccolgono il cibo dai fedeli

-Pranzare sull’isoletta nel Mekong a Luang Prabang, che si raggiunge tramite un suggestivo ponte tibetano

-A Vang Vieng provare il rafting sul fiume sui copertoni assaporando un aperitivo al tramonto per una suggestiva vista della cittadina e delle mongolfiere che colorano il cielo

-Giro in mongolfiera su Vang Vieng

-Giro in barca sul lago Tonle Sap fra i suoi villaggi galleggianti

-Lasciarsi abbondante tempo per godersi i meravigliosi templi di Angkor

-A Phnom Penh visitare i campi di sterminio, per assistere alla toccante testimonianza delle atrocità commesse durante il regime di Pol Pot

LE STRUTTURE CHE CONSIGLIAMO

(La selezione delle strutture viene fatta al momento dell’effettuazione del viaggio: ci scusiamo per eventuali variazioni nel corso del tempo)

CHIANG KHONG           

Teak Garden – struttura semplice ma inserita in un contesto di vita molto reale

PAKBENG                   

Phetsoksay – struttura semplice ma carinA in una zona molto remota

LUANG PRABANG          

Villa Santi – Splendida villa coloniale egregiamente restaurata nella via centrale della città, elegantemente arredata e con servizio di ottimo livello

VANG VIENG

Riverside Boutique – Bellissimo resort sul fiume con montagne di roccia che gli fanno da sfondo. Bella piscina circondata dal verde dove potersi rilassare

VIENTIANE                

Green Park – Resort di ottimo livello in stile locale

SIEM REAP         

La Residence – Uno dei migliori hotels della città dal gusto indo-coloniale, con giardini curatissimi, camere molto lussuose che richiamano lo stile della struttura, una piscina che sembra un’oasi di pace e relax,  ristoranti raffinatissimi e atmosfera di gran classe

PHNOM PENH       

Raffles Le Royal – Famoso hotel storico del calibro dello Strand di Yangon e del Raffle di Singapore, ha ospitato personaggi famosi e diplomatici ed è stato centro di incontro dei ricchi europei durante il periodo coloniale. Il suo bar serve ancora cocktails storici in un raffinato ambiente di classe dove si respira a fondo l’atmosfera dell’Indocina del 900

HO CHI MINH             

Rex – Ottimo hotel in stile moderno, in ottima posizione

CON DAO                  

Six Senses – Oasi di pace e relax, il Six Senses, fedele a tutte le altre strutture della proprietà, è un resort ecocompatibile che si mimetizza nell’ambiente circostante con classe e raffinatezza. Le sue ville con accesso diretto alla spiaggia, sono una profusione di legni, bamboo, raffinati tendaggi in lino bianco e enormi vetrate che si affacciano sulla veranda con piscina privata a sfioro sull’Oceano.

I ristoranti servono piatti di alto livello e la splendida spa panoramica sulla collina offre trattamenti innovativi con personale altamente qualificato

INFORMAZIONI UTILI

LAOS

DOCUMENTI DI VIAGGIO

È richiesto il passaporto individuale con almeno 6 mesi di validità. È necessario il visto d’ingresso che si ottiene direttamente al punto di arrivo. Il visto ha un costo di circa 35 dollari americani per persona ed è necessaria una foto formato tessera e la compilazione di un apposito modulo; la validità è di 30 giorni.

FUSO ORARIO
Lancette avanti di 6 ore durante l’orario solare, di 5 ore invece quando in Italia è in vigore l’ora legale.

CLIMA
È regolato dai monsoni che determinano tre stagioni, quella secca e fresca da novembre a fine febbraio, con temperature medie tra i 14 e i 20°C; quella calda, da marzo a maggio, molto difficile da sopportare, soprattutto nei centri urbani, con temperature massime che possono arrivare ai 35°C; ed infine la stagione delle piogge, da maggio a ottobre con rovesci torrenziali e piene del Mekong e dei suoi affluenti, con un elevato tasso di umidità. Le piogge toccano la massima intensità a settembre e ottobre, mentre sono più irregolari a maggio e giugno.

ABBIGLIAMENTO
Indumenti di cotone, leggeri e comodi, come T-shirt, camicie e pantaloni meglio se in fibre naturali, sono l’abbigliamento ideale per visitare il paese durante tutto l’arco dell’anno. Si consiglia di portare una giacca impermeabile per qualche improvviso acquazzone, comode scarpe chiuse ed un maglioncino che si renderà necessario per l’aria condizionata degli hotel e per le serate più fresche. Per le donne si sconsiglia l’uso di pantaloncini corti e top, ma pantaloni e bermuda sono accettati.

LINGUA 
La lingua ufficiale è il laotiano, scritto in caratteri khmer identici a quelli cambogiani. La seconda lingua ufficiale è il francese che viene in gran parte usato per l’insegnamento superiore. Fra tutti gli operatori collegati al settore turistico, sono molto diffuse le lingue francese ed inglese.

MONETA
La moneta ufficiale è il Kip. 1 Euro = 10.718 Kip; 1 USD = 7.920 Kip . Si fa presente che in Laos non sussistono affidabili sportelli internazionali ATM. Le principali carte di credito sono accettate nei grandi alberghi e nelle più importanti strutture turistiche. Le transazioni sono condotte principalmente in dollari americani, Thai Bath o Lao Kip. Gli Euro ed i Dollari vengono accettati e cambiati ovunque.

ELETTRICITA’
Tensione 200 volts 50Hz. È necessario munirsi di adattatori universali.

TELEFONO
Il prefisso internazionale per il Laos è lo 00856 seguito dall’indicativo della città e dal numero dell’abbonato. I cellulari funzionano quasi ovunque.

VACCINAZIONI
Nessuna obbligatoria. È sempre consigliabile consumare acqua e bibite non ghiacciate e solo da contenitori sigillati, non mangiare verdura cruda e frutta con la buccia, e l’osservanza delle elementari regole di igiene. È indispensabile munirsi di disinfettanti intestinali, compresse antinfluenzali ed antibiotici.

SHOPPING
Molti articoli dell’artigianato laotiano sono venduti anche in Thailandia ma alcune particolarità si trovano unicamente in Laos. Argento, ceramica e legno intagliato, seta e cotone dai colori sgargianti e dai disegni differenti a seconda dell’etnia e della provenienza del tessitore. È severamente vietato esporre oggetti antichi e immagini del Buddha. La contrattazione è un’arte e generalmente i laotiani sono garbati e onesti nel mercanteggiare. Solo in alcuni negozi il prezzo è fisso.

MANCE
Come nel resto dell’Indocina, le mance non sono un’abitudine, a eccezione dei ristoranti di lusso di Vientiane, dove è gradita una mancia pari al 10% del conto, ma soltanto se il prezzo del servizio non è compreso.
CUCINA
Meno varia e sofisticata delle più rinomate cucine di paesi confinanti, la cucina laotiana ha comunque una sua peculiarità. Il riso è la base dell’alimentazione in tutta l’Indocina e il Laos non fa eccezione. Questo riso cotto al vapore viene servito in piccoli panieri di vimini e usato scondito e freddo al posto del pane. Gli ingredienti in generale sono semplici e freschi: verdure, pesce principalmente d’acqua dolce, pollo, anatra, maiale, manzo e bufalo. Il gusto speziato è dato dall’uso del succo di lime, citronella, foglie di menta e coriandolo, radici, peperoncino e zenzero. La bevanda più popolare è la “birra Lao”, prodotta localmente, leggera e rinfrescante, ed il “lau-lao”, una sorta di whisky di riso.

TASSE D’IMBARCO
Al momento dell’imbarco sono richiesti 20 USD per i voli internazionali e USD 10 per i voli nazionali.

CAMBOGIA

DOCUMENTI DI VIAGGIO
È richiesto il passaporto individuale con almeno 6 mesi di validità dalla data di partenza. È necessario il visto d’ingresso che si ottiene direttamente all’aeroporto di arrivo compilando un modulo, allegando due foto e pagando 20 USD per persona.

FUSO ORARIO
Lancette avanti di 6 ore durante l’orario solare, di 5 ore quando in Italia vige l’ora legale.

CLIMA
La Cambogia è visitabile tutto l’anno. La temperatura media si aggira sui 25 gradi. Soltanto il passaggio dei monsoni crea il divario fra due stagioni ed un breve periodo di transizione. Tra febbraio e aprile abbiamo la stagione secca e calda. Da maggio a ottobre abbiamo la stagione delle piogge che però sono poco frequenti e di scarsa intensità. Da novembre a gennaio è il periodo migliore per visitare il paese.

ABBIGLIAMENTO
Indumenti di cotone, leggeri e comodi, come T-shirt, camicie e pantaloni meglio se in fibre naturali, sono l’abbigliamento ideale per visitare il paese durante tutto l’arco dell’anno. Si consiglia di portare una giacca impermeabile per qualche improvviso acquazzone, comode scarpe chiuse ed un maglioncino che si renderà necessario per l’aria condizionata degli hotel e per le serate più fresche. I khmer troveranno disdicevole vedere uomini a torso nudo o donne in abiti succinti tra i templi di Angkor.

LINGUA 
La lingua ufficiale è il khmer. La scrittura deriva dal sanscrito e dal pali e l’alfabeto è di derivazione indiana. L’inglese è capito e parlato quasi ovunque, e le persone più anziane, di solito parlano il francese.

MONETA
La moneta ufficiale è il Riel. (KHR). Tasso ufficiale di cambio: 1 1 Euro = 5.417 Riel; 1 usd = 3.983 Riel . Gli Euro ed i Dollari vengono accettati e cambiati ovunque, anche se i dollari americani sono la valuta straniera di normale circolazione. Si consiglia di munirsi di banconote di piccolo taglio. Raccomandiamo di cambiare piccole somme per volta, poiché i Riel eventualmente rimasti non si potranno più riconvertire. Nessun problema negli alberghi, negozi e ristoranti per l’accettazione delle principali carte di credito. Gli sportelli ATM (Bancomat) sono molto rari.

ELETTRICITA’
Tensione 220/240 volts; indispensabile munirsi di adattatori universali.

TELEFONO
Il prefisso internazionale per la Cambogia è lo 00855 seguito dall’indicativo della città e dal numero dell’abbonato. I cellulari funzionano ovunque, sia in chiamata che in ricezione ed in modalità SMS.

VACCINAZIONI
Nessuna obbligatoria.

SHOPPING
Si possono fare interessanti acquisti in Cambogia l’importante è trattare il prezzo anche se in genere, fuori dai centri turistici, i khmer sono persone ragionevoli. La seta cambogiana è rinomata in tutto il mondo, originale sono i kramar, sciarpe di cotone a quadretti che in Cambogia si usano in molti modi: come copricapo, annodati in vita come sarong ma anche come marsupio per il trasporto dei neonati o come foulard copri divano. Da segnalare inoltre riproduzioni dei bassorilievi di Angkor, argenti e moltissime altre curiosità realizzate ancora oggi con metodi tradizionali.

MANCE
Non sono dovute ma come sempre, di fronte a un ottimo servizio o ad una gentilezza, sono molto apprezzate. Ricordiamo che poche centinaia di riel sono davvero importanti per un cambogiano.

CUCINA
La cultura gastronomica cambogiana presenta tutte le caratteristiche della cucina tailandese, cinese e vietnamita, ma meno speziata. Il riso è l’ingrediente principale cucinato nel caratteristico wok che in Cambogia viene chiamato chngang khteak. Vasta quantità di fauna ittica d’acqua dolce, spesso alla griglia, ma anche pietanze a base di carne di maiale come il samla crape. Grande varietà di frutta tropicale: banane, ananas, cocco e il jackfruit che raggiunge anche i 20 chili di peso, comunemente chiamato il frutto dell’albero del pane.

TASSE D’IMBARCO
Sono richieste al momento dell’imbarco sui voli internazionali in partenza dalla Cambogia e sono obbligatorie. Sono richiesti per i voli internazionali usd 20 usd 10 per i voli nazionali.

VIETNAM

DOCUMENTI DI VIAGGIO
È richiesto il passaporto individuale con almeno 6 mesi di validità dalla data di partenza ed il visto d’ingresso viene concesso all’aeroporto di arrivo, previa autorizzazione dell’ufficio immigrazione. Il visitatore dovrà presentarsi all’apposito sportello presso gli aeroporti internazionali munito di 2 fotografie formato tessera e di copia dell’ autorizzazione alla concessione del visto rilasciata dal Dipartimento Immigrazione del Ministero della Pubblica Sicurezza del Viet Nam. È richiesto il pagamento di 45 dollari per persona.

FUSO ORARIO
Lancette avanti di 6 ore durante l’orario solare, di 5 ore invece quando in Italia è in vigore l’ora legale.

CLIMA
Il Viet Nam è visitabile tutto l’anno. D’inverno si privilegiano gli itinerari al centro e al sud con soggiorni balneari a Phan Thiet. L’estate è la stagione ideale per visitare il nord e il centro con soggiorni balneari a Da Nang, Hoi An e Nha Trang. Al sud è caldo tutto l’anno con una stagione secca da fine novembre ad aprile/maggio.

ABBIGLIAMENTO
È doveroso rispettare le usanze locali in fatto di vestiario, soprattutto nei siti religiosi. È doveroso togliersi le scarpe per entrare nei templi ed indossare abiti adeguati. L’abbigliamento deve essere comodo e pratico, leggero, senza dimenticare qualche capo più pesante, a seconda dei luoghi visitati e delle stagioni ed un impermeabile leggero.

LINGUA 
Vietnamita. È diffusa, nelle zone frequentate dai turisti, la conoscenza della lingua inglese. Tra le persone anziane prevale la conoscenza della lingua francese.

MONETA
La moneta vietnamita è il Dong: 1 Euro = 28.173 Dong; 1 USD = 20.810 Dong . Gli Euro ed i Dollari vengono accettati e cambiati ovunque. Nessun problema negli alberghi, negozi e ristoranti per l’accettazione delle principali carte di credito.

ELETTRICITA’
Tensione 220/240 volts. Si consiglia di munirsi di adattatori universali.

TELEFONO
Il prefisso internazionale per il Viet Nam è lo 0084 seguito dall’indicativo della città e dal numero dell’abbonato. Dal Viet Nam per chiamare l’Italia il prefisso è 0039 seguito dal prefisso della città con lo 0 e dal numero dell’abbonato. I cellulari funzionano ovunque.

VACCINAZIONI
Nessuna obbligatoria. È sempre consigliabile consumare acqua e bibite non ghiacciate e solo da contenitori sigillati, non mangiare verdura cruda, e mangiare frutta solo se sbucciata. È indispensabile munirsi di disinfettanti intestinali, compresse antinfluenzali ed antibiotici.

SHOPPING
Sono tantissime le opportunità offerte a chi ama fare acquisti. Una varietà di oggetti bellissimi dall’abbigliamento all’arte, all’antiquariato: ceramiche smaltate, lanterne, tovaglie ricamate, lussuose creazioni in seta o in lino, oggetti in legno di bambù. Generalmente i prezzi sono convenienti. È necessario contrattare con gentilezza, sorridendo e senza arrabbiarsi.

MANCE
Sono apprezzate ovunque e un modo tangibile per ringraziare chi ha reso il servizio con cortesia e disponibilità.

CUCINA
La cucina vietnamita ha conquistato anche l’occidente ed il viaggio è anche l’occasione per una deliziosa avventura gastronomica. Riso e pesce sono i protagonisti indiscussi dei piatti vietnamiti, comprimarie sono le numerose radici dal gusto pungente, le erbe e i tuberi aromatici. Il tipico piatto locale è però il riso in bianco contornato da verdure, carne, pesce e le immancabili spezie! Non mancano poi alcuni piatti tipici della Cina, come gli involtini primavera, le frittelle di riso, il pollo speziato e le tradizionali zuppe, qui solitamente con anguille e vermicelli! Freschezza degli ingredienti e armonia tra sapore e consistenza sono elementi imprescindibili per i vietnamiti.

TASSE D’IMBARCO
Al momento dell’imbarco sui voli internazionali in partenza dal Viet Nam sono richiesti 13 usd per partenze da Ho Chi Minh City

RICHIEDI INFORMAZIONI

    *campi obbligatori





    0